Immagine di Testata

Nuovo menù per le scuole di Gaiole in Chianti dal 14 febbraio: nel nido d'infanzia comunale "Marcondirondello" e nelle scuole statali dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado parte il menù sperimentale elaborato tenendo conto delle proposte presentate dal gruppo di lavoro del progetto “Sostenibilmense” e sulla base delle scelte condivise con la Commissione Mensa e la ditta Margherita+. I nuovi piatti inseriti saranno oggetto di monitoraggio sul gradimento da parte degli utenti.

 “Il Comune di Gaiole in Chianti ha aderito al progetto Sostenibilmense, promosso da Fondazione Monte dei Paschi di Siena, in collaborazione con Anci Toscana e Foodinsider.it, allo scopo di migliorare la qualità del servizio erogato e di promuovere l'adozione di modelli di ristorazione scolastica buoni, sani e sostenibili.  – afferma Emanuele Giunti, vicesindaco di Gaiole in Chianti, con delega all’istruzione, alla Cultura e al Benessere – Nel primo step il gruppo di lavoro ha analizzato il menù della mensa scolastica di Gaiole in Chianti avanzando delle proposte di miglioramento che sono state recepite dall’amministrazione comunale e dalla ditta Margherita+ che gestisce il servizio. Insieme è stato elaborato un piano di azione che si articola in 10 punti mantenendo come obiettivo cardine la bontà del piatto, la salute dei bambini e del pianeta. Quella che parte adesso è la fase di sperimentazione vera e propria in cui gli alunni saranno parte attiva: sulla base del loro gradimento potremo valutare eventuali aggiustamenti”.

 

La Commissione Mensa è stata coinvolta in questo percorso di miglioramento condividendo in pieno le proposte presentate dal gruppo di lavoro del progetto “Sostenibilmense”. In particolare sono stati differenziati in modo più evidente il menù estivo da quello invernale e attraverso i simboli è stata resa più semplice e immediata la comunicazione della qualità del prodotto (bio, a chilometro zero, igp). Sono stati introdotti nuovi piatti tipici della cucina toscana, sostenibili, solidali e inclusivi variando il menù anche sulla base della fascia di età. Tra le ricette di piatti sostenibili e locali c’è la pappa al pomodoro, un piatto tipico della tradizione toscana che oltre ad essere gustoso è un esempio di piatto sostenibile, perché utilizza il pane raffermo ed è un esempio di piatto inclusivo e solidale perché può essere offerto anche ai vegetariani e ai vegani o a chi per motivi religiosi non può mangiare carne di maiale.”

 

“L’adesione al progetto Sostenibilmense – prosegue Emanuele Giunti -  è coerente con l’attenzione del Comune di Gaiole in Chianti sulla qualità della refezione scolastica. Una scelta che ci ha portato nel 2017 ad introdurre il biologico nella mensa scolastica.  Il progetto Sostenibilmense ci consente di fare un ulteriore passo in avanti sul piano della varietà del menù, della comunicazione con i genitori, e dell’educazione alimentare dei ragazzi, introducendo anche le ricette tipiche della Toscana, con un’attenzione costante alla qualità, alla sostenibilità ambientale e al valore etico e inclusivo del cibo”.