Immagine di Testata

In occasione del referendum costituzionale del 29 marzo 2020, gli elettori italiani residenti all’estero voteranno per corrispondenza, ai sensi della legge 27 dicembre 2001, n. 459 e del relativo regolamento di attuazione, approvato con D.P.R. 2 aprile 2003, n. 104. La predetta normativa fa comunque salva la possibilità di votare in Italia, previa apposita e tempestiva opzione da esercitare entro l'8 febbraio 2020.

L'opzione dovrà pervenire entro il termine sopraindicato all'Ufficio consolare di appartenenza.

A tal fine, è possibile utilizzare l'allegato modello predisposto dal Ministero degli Affari Esteri e reperibile anche presso i Consolati. 

Chi opta per il voto in Italia non potrà usufruire di alcun rimborso per le spese di viaggio sostenute, ma solo delle agevolazioni tariffarie previste sul territorio italiano.

MODULO Modopzione.pdf